Marianna Madia: secondo Voi, come è possibile che un Ministro a cui hanno bocciato la riforma, venga riconfermata allo stesso Ministero? …Non sapete rispondere? Vi do un suggerimento: fidanzata del figlio di Napolitano, figlia di un importante amico di Veltroni, amica di D’Alema, stagista di Enrico Letta, datore di lavoro del figlio di Mattarella a 125mila Euro… Avete bisogno di altro?

.

.

Marianna Madia

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

 

.

.

 

Marianna Madia: secondo Voi, come è possibile che un Ministro a cui hanno bocciato la riforma, venga riconfermata allo stesso Ministero?…Non sapete rispondere? Vi do un suggerimento: fidanzata del figlio di Napolitano, figlia di un importante amico di Veltroni, amica di D’Alema, stagista di Enrico Letta, datore di lavoro del figlio di Mattarella a 125mila Euro… Avete bisogno di altro?

 

Come è possibile che un Ministro a cui hanno bocciato la riforma, venga riconfermata allo stesso Ministero?

 

MERITOCRAZIA – Il fantastico curriculum del ministro Marianna Madia: fidanzata del figlio di Napolitano, figlia di un importante amico di Veltroni, amica di D’Alema, stagista al centro studi Ariel di Enrico Letta. Che volete di più??

Alle elezioni del 2008, Walter Veltroni usa le prerogative del Porcellum per candidare capolista alla Camera per il Pd nella XV circoscrizione del Lazio la sconosciuta ventisettenne Marianna Madia. Alla conferenza stampa di presentazione, agli attoniti giornalisti la signorina dichiara gigionescamente di «portare in dote la propria inesperienza». In realtà è una raccomandata di ferro, con un pedigree lungo come il catalogo del Don Giovanni.

E’ pronipote di Titta Madia, deputato del Regno con Mussolini, e della Repubblica con Almirante. E’ figlia di un amico di Veltroni, giornalista Rai e attore. E’ fidanzata del figlio di Giorgio Napolitano. E’ stagista al centro studi Ariel di Enrico Letta. La sua candidatura è dunque espressione del più antico e squallido nepotismo, mascherato da novità giovanilista e femminista. E fa scandalo per il favoritismo, come dovrebbe.

In Parlamento la Madia brilla come una delle 22 stelle del Pd che non partecipano, con assenze ingiustificate, al voto sullo scudo fiscale proposto da Vetroni e MadiaBerlusconi, che passa per 20 voti: dunque, è direttamente responsabile per la mancata caduta del governo, che aveva posto la fiducia sul decreto legge. Di nuovo fa scandalo, questa volta per l’assenteismo. La sua scusa: stava andando in Brasile per una visita medica, come una qualunque figlia di papà. Invece di essere cacciata a pedate, viene ripresentata col Porcellum anche alle elezioni del 2013. Ma poi arriva il grande Rottamatore, e la sua sorte dovrebbe essere segnata. Invece, entra nella segreteria del partito dopo l’elezione a segretario di Renzi, e ora viene addirittura catapultata da lui nel suo governo: ministra della Semplificazione, ovviamente, visto che più semplice la vita per lei non avrebbe potuto essere.

Altro che rottamazione: l’era Renzi inizia all’insegna del riciclo dei rottami, nella miglior tradizione democristiana. La riciclata ora rispolvererà l’argomento che aveva già usato fin dalla sua prima discesa paracadutata in campo: «Non preoccupatevi di come sono arrivata qui, giudicatemi per cosa farò». Ottimo argomento, lo stesso usato dal riciclatore che dice: «Non preoccupatevi di come ho ottenuto i miei capitali, giudicatemi per come li investo». Se qualcuno ancora sperava di liberarsi dai rottami e dai riciclatori, è servito. L’Italia, nel frattempo, continui ad arrangiarsi.

(Piergiorgio Odifreddi, “La Madia ministro? Vergogna!”, inervento pubblicato nel blog di Odifreddi su “Repubblica” e ripreso da “Micromega” il 22 febbraio 2014).

Letto questo ci siamo chiesti “Che volete di più?”

Sì, ingenuamente ci chiedevamo “Che volete di più?”. Ed ecco che il nostro Ministro Madia ci ha smentito. Si può fare di più.

Si può, per esempio, dare lavoro al figlio del Presidente della Repubblica Giorgio Mattarella con uno stipendio da 125mila euro lordi all’anno !!

Riportano fonti giornalistiche (Ansa, Libero, Il Giornale etc…):

Il 47enne docente di Diritto amministrativo, infatti, è oggi capo dell’ufficio legislativo del ministro Madia, con uno stipendio da 125mila euro lordi all’anno. Mattarella Junior, come scriveva il Giornale, è oggi ordinario amministrativista all’Università di Siena e condirettore del Master in management della Pa alla Luiss di Roma, ma è entrato al Ministero della Funzione pubblica già nel 1993, a 25 anni.

Pupillo di Sabino Cassese, vi è tornato in pianta stabile con Renato Brunetta ed è stato confermato sotto i governi Monti e Renzi, mentre Letta lo aveva mandato all’Università per affiancare l’allora ministro Maria Chiara Carrozza. Ora, come detto, l’esperienza a fianco della Madia.

State a sentire un fesso: a questa non la smuovono più.

 

tratto da: http://siamolagente2.altervista.org/meritocrazia-il-fantastico-curriculum-del-ministro-madia-fidanzata-del-figlio-di-napolitano-figlia-di-un-importante-amico-di-veltroni-amica-di-dalema-stagista-di-enrico-letta-c/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*